ITA | ENG
Contrasto: Decrease page contrast Increase page contrast
| Dimensione del testo: A A A
Telecom Italia S.p.A. Home page

Comitato per le nomine e la remunerazione

Numero riunioni 2008: 10 (di cui 6 a valle del rinnovo del Consiglio da parte dell’Assemblea del 14 aprile 2008)
Durata media riunioni: 2 ore
Percentuale presenze (a valle del rinnovo): 100%

A partire dal 2000, è presente in Telecom Italia un comitato interno competente per la formulazione di proposte relative alla remunerazione degli Amministratori che ricoprono particolari cariche e sui criteri per la remunerazione dell’alta direzione della Società. Il Consiglio di Amministrazione, nella riunione del 15 aprile 2008, ha deciso di far evolvere l’esistente Comitato per la remunerazione in Comitato per le nomine e la remunerazione.

Anche nell’attuale configurazione competono al Comitato funzioni consultive e propositive:

  • sulla remunerazione degli Amministratori che ricoprono particolari cariche, in modo da assicurare l’allineamento all’obiettivo della creazione di valore per gli azionisti nel tempo;
  • sulla valutazione periodica dei criteri per la remunerazione dell’alta direzione della Società e sull’adozione, su indicazione degli amministratori delegati, di eventuali piani di stock option o di assegnazione di azioni;
  • sul monitoraggio dell’applicazione delle decisioni assunte e delle policy aziendali in materia di compensation del top management.

A queste attribuzioni si è aggiunta quella di proporre candidature al Consiglio in caso di sostituzione, nel corso del mandato, di un Consigliere indipendente.

Il Comitato per le nomine e la remunerazione è composto da amministratori non esecutivi, in maggioranza indipendenti, fra cui almeno un Consigliere tratto da una lista di minoranza. Per la sua attuale composizione si rinvia alla Tabella 5.

Le attività svolte nel 2008 hanno riguardato il sistema di retribuzione degli amministratori esecutivi della Società (Presidente e Amministratore Delegato), anche in considerazione del rinnovo del Consiglio.

Inoltre, con riferimento al sistema di retribuzione della dirigenza, il Comitato ha proceduto al riesame di termini, condizioni e beneficiari del piano di assegnazione gratuita di azioni ordinarie al management, noto come piano di Performance Share Granting, lanciato nel mese di agosto.