ITA | ENG
Contrasto: Decrease page contrast Increase page contrast
| Dimensione del testo: A A A
Telecom Italia S.p.A. Home page

Remunerazione degli amministratori

I compensi percepiti da Amministratori e Direttori Generali, nel corso del 2008, risultano dalla Nota 44 al bilancio separato di Telecom Italia S.p.A.

A valle dell’Assemblea del 14 aprile 2008 il Consiglio ha proceduto alla ripartizione del compenso globale di euro 2,2 milioni deliberato dai soci per il triennio 2008-2010 come segue:

  • un compenso di 110.000 euro per ciascun Consigliere in carica;
  • un compenso aggiuntivo di 35.000 euro per ciscuno dei componenti il Comitato esecutivo;
  • un compenso aggiuntivo di 45.000 euro per ciascuno dei componenti il Comitato per il controllo interno e per la corporate governance;
  • un compenso aggiuntivo di 20.000 euro per ciascuno dei componenti il Comitato per le nomine e la remunerazione;
  • un compenso aggiuntivo di 20.000 euro per il Consigliere chiamato a far parte dell’Organismo di Vigilanza ex D.Lgs. n. 231/2001.

A Presidente ed Amministratore Delegato è stato attribuito un compenso fisso per la carica - aggiuntivo rispetto a quello ex art. 2389, 1° comma, c.c. - rispettivamente pari a 1.300.000 euro e 1.400.000 euro, oltre al versamento a fini previdenziali nella misura del 10% del compenso fisso per l’Amministratore Delegato. Inoltre all’Amministratore Delegato è stata riconosciuta una componente di remunerazione variabile a breve termine (MBO) legata ai risultati economici e a specifici obiettivi gestionali; si tratta di un’incentivazione di valore compreso tra il 50% ed il 200% del compenso fisso, correlata al livello di raggiungimento di predeterminati obiettivi. Ciascun obiettivo è misurato su una scala convenzionale che va da 50 punti percenutali, correlati al livello minimo di raggiungimento dell’obiettivo, 100 punti percentuali, correlati al livello target di raggiungimento dell’obiettivo e 200 punti percentuali, a cui corrisponde il livello massimo dell’obiettivo; i risultati intermedi di raggiungimento sono misurati secondo una funzione lineare.

In particolare, gli obiettivi sono:

  • Return on Investment (peso: 30% del compenso variabile),
  • Net Cash Flow before Dividends (peso: 30% del totale del compenso variabile),
  • Customer Satisfaction (media ponderata degli indici fisso/mobile elaborati con metodologia basata sui criteri ACSI - American Customer Satisfaction Index; peso: 30% del totale del compenso variabile),
  • Ricavi Innovativi (percentuale del fatturato VAS Mobile sul totale fatturato Mobile e Valore fatturato ICT + Internet Fisso; peso: 10% complessivo del totale del compenso variabile).

A Gabriele Galateri di Genola e Franco Bernabè sono state altresì assegnate le stock option di cui al piano approvato dall’Assemblea del 14 aprile 2008, in numero di 3.000.000 al Presidente e di 8.400.000 all’Amministratore Delegato, nei termini meglio descritti in sede di documentazione informativa pubblicata ai sensi dell’art. 84-bis del Regolamento Emittenti, consultabile sul sito www.telecomitalia.it, canale Governance.

Gli Amministratori non esecutivi percepiscono i compensi risultanti dal riparto dell’emolumento stabilito in misura complessiva dall’Assemblea del 14 aprile 2008, nei termini innanzi specificati. La loro remunerazione pertanto non è correlata ai risultati economici della Società.

La remunerazione dei dirigenti con responsabilità strategiche presenta una componente variabile legata ai risultati economici conseguiti dalla Società, e/o al raggiungimento di obiettivi specifici, nella forma del c.d. MBO.

Nella riunione dell’8 agosto 2008 il Consiglio di Amministrazione ha inoltre deciso l’attuazione del piano di assegnazione gratuita di azioni ordinarie noto come "Performance Share Granting", approvato dall’Assemblea dell’aprile 2007. Gli obiettivi del piano sono l’incentivazione, la fidelizzazione e la retention del top management attraverso uno strumento di remunerazione in equity che premia la creazione di valore per gli azionisti (riferimento al Total Shareholder Return), allineando al loro interesse quello dei destinatari dell’iniziativa.

Questa consiste nell’attribuzione ai destinatari (individuati fra le risorse titolari di ruoli strategici di Telecom Italia o di società controllate) del diritto all’assegnazione gratuita di azioni ordinarie della Società in un numero massimo predeterminato e variabile in funzione del periodo di partecipazione effettivo al piano e del grado di raggiungimento di predeterminati obiettivi di performance azionaria. Il documento informativo predisposto in occasione del lancio del piano è consultabile sul sito www.telecomitalia.it, canale Governance.

Nella riunione del 27 febbraio 2009, il Consiglio di Amministrazione ha preso atto della nuova compagine dei Dirigenti con responsabilità strategiche (c.d. executive officers o key managers), quale risultante a seguito dell’implementazione dell’organizzazione customer-centric, operativa da gennaio 2009. L'Amministratore Delegato ha identificato queste figure, alla luce delle priorità strategiche del piano 2009 -2011, nelle persone che pro tempore occupano le posizioni di Chief Financial Officer e di Responsabile di Domestic Market Operations, Technology & Operations, Disposals, Diretor Presidente di Tim Brasil, Human Resources and Organization, General Counsel & Corporate and Legal Affairs, Purchasing. A questi si aggiungono il Presidente del Consiglio di Amministrazione e l’Amministratore Delegato.

Il totale dei compensi erogati nel corso dell’anno 2008 ai dirigenti pro tempore riconosciuti con responsabilità strategiche è riportato, in forma aggregata, nella Nota 44 al bilancio separato di Telecom Italia S.p.A.